A PRANZO CON DEBORAH


Ci sono giorni in cui lavorare a Eurosport è particolarmente bello.Non che non lo sia in generale, anzi. Oggi, però, è stato un giorno più.


C'era qui da noi a Milano Deborah Compagnoni per una giornata da "Guest editor" e ho avuto il piacere di essere tra quelli che hanno pranzato con lei. Sentendola parlare, raccontare aneddoti della sua carriera, fare considerazioni sullo sport e sulla vita ho avuto la conferma che uno non diventa un grande campione per caso.


Certo, ci sono le eccezioni dove il talento è così grande che va oltre a tutto. Ma per la maggior parte dei casi - e soprattutto al di fuori del calcio - uno diventa un grande campione perchè è prima tutto una grande persona.


E Deborah mi è sembrata una così.

ps. A pranzo, al tavolo dietro a noi, Marco Tardelli. E siccome uno non segna per caso un gol in una finale mondiale diventando un'icona di una generazione soprattutto per l'esultanza, Marco si è alzato per venire a salutare Deborah dicendole "vengo a salutarti visto che sei più famosa di me". Un signore. .

#Perlavoro

Post recenti

© 2023 by Salt & Pepper. Proudly created with Wix.com